Il blog

Dalle signore di un tempo a Lady Gaga torna la foulard mania

FoulardLungi dall’essere un accessorio antico ed esclusivamente per signore d’alta classe, il foulard è tornato alla ribalta, declinato in ogni possibile versione. Da fascia per capelli ad orpello annodato intorno alla borsa, il foulard è stato ampiamente rilanciato in questa primavera-estate 2012. Il motivo c’è: si tratta di un capo altamente democratico, che unisce vestibilità, funzionalità e stile, e che si adatta a tutte le occasioni.

Il ritorno di una moda senza tempo

Dalla bandana di seta Gucci di Charlotte Casiraghi ai foulard appuntati in testa di Lady Gaga, molte dive oggi ne hanno fatto un vezzo. E così le ragazze di tutte le età hanno ricominciato a usarlo, tirandolo fuori dagli armadi della mamma, oppure acquistandone di vecchi e nuovi nei vari negozietti e mercatini di ispirazione vintage. Che lo si voglia portare legato dietro la nuca, alla Jennifer Lopez, per avere un’aria da donna di classe, oppure annodato intorno al collo e scivolato sul davanti a mo’ di top, semplice e sensuale, o ancora infilato tra i passanti dei jeans come cintura, o semplicemente che si voglia usarlo come la più disinvolta delle sciarpe, il foulard ha oggi ripreso il suo ruolo a pieno titolo tra gli accessori immancabili di ogni armadio femminile. Che sia di dimensioni ampie o più contenute, che costi cifre da capogiro o che sia economico, il foulard è prima di tutto un capo versatile, che sta bene a tutte e che si adegua ad ogni stile. Un accessorio trasversale, insomma, che veste dal portamento regale di Kate Middleton alla sobrietà più semplice di tutti i giorni.

Anatomia di un fenomeno

Perché il foulard è democratico? Perché non è necessario acquistarne uno costosissimo di Hermes o di Pucci per apparire al meglio. Si può rubare l’idea del foulard infilato nel cappello per abbellire un panama, lanciata da Kenzo, o infilare il foulard tra file di perline e catene e portarlo al collo come collana in pieno stile rock, a la Vivienne Westwood. Lo si può annodare in vita, o infilarlo al posto dei lacci delle scarpe, come ha fatto Moschino, sempre a patto di trovare un foulard sufficientemente stretto. Insomma, le ipotesi di utilizzo sono illimitate e il risultato è sempre assicurato.

Un foulard ci salverà

Un bel foulard annodato al collo può salvare il più triste dei tubini neri, oppure proteggere una capigliatura non proprio impeccabile dagli sguardi delle persone. E’ una lezione che ha lanciato una grandissima maestra di stile, di nome Audrey Hepburn, e a nessuno sembra il caso di smentirla. Ecco quindi il momento opportuno per tirare fuori tutti i vecchi foulard riposti in soffitta. Diamogli nuova vita e lasciamo che ci arricchiscano con quel loro tocco in più. Il nostro stile ha davvero tutto da guadagnare dal ritorno in voga di questo capo.

Immagine: africa – FotoliaSimilar Posts:

Tags: , , , , ,